This Is Us: il creatore della serie spiega la verità scioccante sul fratello di Jack, Nicky

 

Ricordate tutto quel mistero sul membro dei Pearson che morì tragicamente anni fa? Bene, ecco un colpo di scena proprio prima delle vacanze natalizie: NON È PIU’ MORTO!

No, non stiamo parlando di Jack, amato padre dei tre fratelli che è morto per un attacco di cuore dovuto a inalazioni di fumo a causa di un salvataggio durante un incendio – ci riferiamo a Nicky (Michael Angarano), il fratello minore e tormentato di Jack che si credeva fosse morto durante la guerra del Vietnam. Tuttavia, l’episodio finale di This Is Us prima delle vacanze natalizie, intitolato “The Beginning Is The End Is The Beginning,”  ha mostrato uno dei momenti più scioccanti di questa stagione descrivendo nei minimi particolari cosa è accaduto al fratello minore di Jack mentre era in guerra. Una barca colpita da una bomba su cui sembrava esserci lui sopra, spinge Jack – che aveva trascorso le ultime due settimane tentando disperatamente di riabilitare suo fratello drogato – a gettarsi in acqua per salvarlo. Non si sa ancora cosa sia successo in seguito; quella è stata l’ultima cosa vista di quel momento di terrore. Ma Kevin ha scoperto – durante la sua missione in Vietnam nel villaggio di pescatori in cui Jack ha vissuto – grazie alla sua guida turistica, Trong, che Nicky non è morto durante la guerra, almeno non secondo la lista dei veterani caduti durante la guerra del Vietnam. Che fosse vivo o meno era un’altra questione.

Gli spettatori non hanno dovuto aspettare a lungo per avere la risposta definitiva a questa domanda. La scena finale dell’episodio ha mostrato un uomo anziano in una roulotte… e una pila di lettere tutte indirizzate a Nicholas Pearson. Ebbene sì, apparentemente Nicky è ancora tra noi e la famiglia Pearson sicuramente starà per subire un ulteriore shock nella loro vita. Quanto sapeva, se lo sapeva, Jack di questo segreto? Come potrebbe essere una reunion tra la famiglia Pearson e Nicky? Nicky è a conoscenza di quello che succede nella famiglia di suo fratello? Il creatore della serie Dan Fogelman ha parlato del miracoloso ritorno di Nicky dal mondo dei morti e cosa potrebbe accadere in futuro dopo questa scoperta.

EW: Dal momento che ci hai tolto Jack, hai pensato di ridarci almeno suo fratello?

Dan Fogelman: parlando del ritorno di suo fratello, c’è una storia in arrivo nella seconda metà di stagione e vedremo cosa succederà e cosa comporterà. Ma non puoi averne mai abbastanza degli uomini Pearson, diciamo da queste parti.

EW: Michael sapeva dall’inizio che Nicky non fosse veramente morto e che reazione ha avuto?

Dan Fogelman: Michael conosceva tutta la storia dall’inizio. C’è stato sempre un certo numero di persone che dall’inizio sospettavano che questa potesse essere una possibilità, ma non so Michael cosa pensasse. Fin dall’inizio diciamo a tutti gli attori lo sviluppo dei personaggi e cosa gli accadrà così non hanno modo di pensarci troppo su.

EW: l’idea che Jack fosse in lutto per un fratello ancora vivo – che Jack si sia portato dietro il senso di colpa per tutta la vita a causa della sua morte – è quasi troppo da mandare giù. Cosa ti ha intrigato di questo scenario e ha spezzato anche a te il cuore durante la scrittura?

Dan Fogelman: come dicevamo, l’essere vivo di Nicky e Jack che si porta dietro questo evento, non si tratta esattamente di lutto ma più una domanda come: cosa è successo, cosa Jack sta nascondendo e perché? Psicologicamente è ciò che affronteremo nella gran parte della seconda metà di stagione, che sarebbe  non solo quello che è successo, dove e come è successo a Nicky, ma anche cosa ha affrontato Jack tutto questo tempo? Jack sapeva o non sapeva? E infine, nel presente, dal momento che alcune cose stanno venendo a galla nella sua famiglia, quale sarà la reazione dei membri di quest’ultima quando apprenderanno che sono rimasti all’oscuro di qualcosa per così tanto tempo?

EW: possiamo affermare dunque che Jack non sapesse che suo fratello non fosse morto? O è possibile che Nicky lo abbia contattato più tardi?

Dan Fogelman: in questo momento tutto è possibile. Abbiamo avuto una specifica storia che risponderà abbastanza velocemente a questa domanda. Si tratta di una storia già decisa prima di iniziare tutto l’arco narrativo riguardante il Vietnam, una volta capito ciò che è successo, ciò che si sa e non si sa, tutto avrà senso. Ma adesso, se guardi solo l’episodio appena uscito, pensi che tutto sia possibile. Appena andranno in onda i prossimi episodi, i pezzi inizieranno a combaciare per tutti.

EW: Nicky sta vivendo con il suo vero nome in Pennsylvania, a poche ore da Pittsburgh. Questo suggerisce che non stia vivendo segretamente. D’altro canto, sembra essere un uomo inquietante e che vive da solo in una casa nel bosco. Cosa puoi dirci dei motivi per cui non vive così lontano?

Dan Fogelman: dovrai chiederlo a te stesso come e perché. L’unica domanda che è piuttosto ovvia alla fine di questo episodio è: Jack aveva un fratello che è morto in Vietnam a quanto ne sa la sua famiglia, e non ne ha mai parlato. Quindi nessuno lo sta cercando. Perché dovresti? Questo momento alla fine dell’episodio in cui Kevin realizza di non aver mai cercato ne “il Muro della Memoria del Vietnam” il suo nome perché non ci aveva nemmeno pensato. Era semplicemente un elemento della loro vita. Non c’era nessuna incertezza con Jack. Ciò che è veramente interessante – e potenzialmente più interessante – di tutta la storia di Nicky non è solo la reazione dei tre fratelli nel presente alla scoperta di questa informazione, ma anche la reazione di Rebecca e le conseguenze di questa novità nel presente. Cosa scatenerà la scoperta di Kevin?

EW: gli spettatori sanno quanto fosse danneggiato Nicky, ma Kevin no. Supponendo che Kevin continui la sua ricerca, in cosa si caccerà quando scoprirà che Nicky è ancora vivo? Dopotutto, Nicky sembrava perduto in questo episodio e nei precedenti, è così devastato a causa della guerra.

Dan Fogelman: quando vediamo Nicky nelle scene in Vietnam, questa è al suo culmine, e le persone tornano a casa dalla guerra cambiati. Per quanto riguarda Jack, abbiamo mostrato la figura di un veterano che è stato in grado di compartimentalizzare l’esperienza sia della sua infanzia sia della guerra e vivere una vita piena, funzionale e realizzata mettendole da parte. Ci sono altre persone che vanno nella direzione opposta, ci sono tanti modi per affrontare gli strascichi della guerra… Stiamo cercando di disegnare un quadro con tutte queste sfumature perché ci sono un sacco di modi in cui può manifestarsi e stiamo cercando di essere veritieri e reali nei confronti dei personaggi e di ciò che hanno provato.

EW: l’hai già accennato. Si può immaginare che gli altri Pearson avranno sentimenti conflittuali nei confronti di questo personaggio. Come potrebbe essere una reunion tra questi?

Dan Fogelman: se succederà, sarà intensa. Ciò che trovo più interessante è che in qualche modo nell’intera storia, non si tratta solo del mistero di ciò che è accaduto nel 1970, ma ciò che sta accadendo adesso nel 2018 con questi ragazzi e come i peccati del padre possano avere conseguenze quarant’anni dopo il fatto è veramente una storia interessante. Si adatta molto alla struttura del telefilm essere in grado di raccontare una storia nel passato e nel presente simultaneamente e vedere le conseguenze di questo evento tutto nello stesso episodio.

EW: i Pearson non sanno nulla di lui, ma cosa sa lui di loro? Li ha seguiti da lontano? È una importante questione da considerare.

Dan Fogelman: Lo è, si tratta di una delle parti più interessanti di tutta la storia. Non posso dirvi molto perché è tutto molto interessante ed è qualcosa che esploreremo.

EW: le parole ci perseguitano quando Nicky dice “Non completerò questa missione”, cioè uscire vivo da questo conflitto. In un certo modo lo fa, certo, ma Jack potrebbe o non potrebbe saperlo. Ha escogitato un piano per fingere la sua morte e/o sperava di morire nell’esplosione della barca ma in qualche modo è sopravvissuto?

Dan Fogelman: non c’è molto che possa dire oltre che otterrai tutte le risposte molto velocemente quando torneremo.

EW: quanto sarà importante la storia di Nicky nella seconda parte di questa stagione?

Dan Fogelman: molto. Sarà una parte molto significativa della seconda metà di questa stagione.

EW: come sarà il look invecchiato di Michael, se è questa la direzione che state prendendo?

Dan Fogelman: non posso parlarne. (La versione invecchiata di Nicky sarà interpretata da Griffin Dunne, come è stato rivelato successivamente.)

EW: hai lasciato un minuscolo indizio in previsione di questa sconcertante scoperta l’anno scorso nell’episodio in cui apprendiamo per la prima volta che Jack aveva un fratello? Quando Jack va nel garage mentre Rebecca dorme e guarda le vecchie foto di Nicky, la prima foto che guarda è di lui mentre posa vicino a un cartello che dice Resurrection City.

Dan Fogelman: buffo che tu lo dica. Quella, se la memoria mi assiste, è una vera fotografia che Milo ci ha dato tra le cose del padre mentre era in Vietnam. Se guardi attentamente il nostro arco narrativo in Vietnam, abbiamo un leggero problema con la sequenza temporale proprio in quella foto. Ma è interessante che tu l’abbia menzionata.

EW: abbiamo avuto questa scena carina con Kevin mentre parlava con un uomo del vecchio villaggio di Jack che ha spiegato che, sebbene Kevin non avesse avuto le risposte che cercava, ha avuto qualcos’altro, un importante momento di condivisione e connessione. Alla fine, questo mistero si è dimostrato una falsa pista per Kevin e per gli spettatori. Basandoci sul messaggio della scena, è sicuro dedurre che quella parte di trama sia conclusa o c’è ancora altro da sapere?

Dan Fogelman: Non voglio mai chiudere una porta  sulla possibilità di tornare indietro per un episodio speciale da godersi prima che tutto accadesse – una trama tra, diciamo, Jack e il giovane Robinson, o qualcosa del genere. Ma per quanto riguarda la trama del nostro periodo in Vietnam, una volta completata la storia di Nicky nella metà successiva della stagione, abbiamo praticamente esaurito la nostra trama principale in Vietnam.

EW: Se gli spettatori dovessero porsi una domanda su Nicky durante l’intervallo natalizio, quale vorresti che fosse?

Dan Fogelman: penso che sarebbe: cosa è successo?  Dal momento in cui abbiamo terminato l’intero episodio nel presente fino al punto in cui abbiamo lasciato Jack mentre si tuffava in acqua: cosa diavolo è successo tra allora e ora? Penso che sia questa la risposta fondamentale. Il nostro primo episodio dopo la pausa si concentrerà su quello che è successo ai nostri personaggi nel presente tra la pausa e i due mesi di trama che tutti abbiamo perso. Ma poi nel secondo episodio dopo il ritorno, si entrerà pesantemente nella questione, riempiendo gli spazi vuoti di ciò che è successo tra Jack che si tuffa in acqua e l’inquadratura di Nicky con la posta.