The Flash: Grant Gustin vittima di body shaming

Recentemente alcuni fan di The Flash hanno dato un’occhiata al nuovo costume di Barry Allen, e sembra che la star della serie Grant Gustin non sia felice di come sia andata.

https://www.instagram.com/p/BmOjCedgSx6/

Recentemente Grant, attraverso Instagram, ha parlato della foto trapelata del suo costume nella quinta stagione, che alcuni hanno criticato per essere poco adattato. Come spiega Grant nel suo post, che puoi leggere qui di seguito, la versione del costume nella foto non è ciò che alla fine apparirà sullo schermo, e i fan non avrebbero dovuto ricorrere al body shaming per via della foto.

View this post on Instagram

Read this if you have good enough eyes.

A post shared by Grant Gustin (@grantgust) on

“Ecco la verità sulla foto trapelata del costume. È un bel costume. È una foto terribile, scattata e postata senza che lo sapessi. Alcune cose vanno sistemate e c’è bisogno di lavorarci su. Ce la faremo. Per quanto riguarda il body shaming: questo mi ha fatto arrabbiare. Ma non riguarda solo me. Per più di vent’anni, ragazzi e adulti hanno detto a me o ai miei genitori che ero troppo magro. È stato un lungo processo per me accettare di avere una costituzione magra. Ci sono due pesi e due misure per cui è consentito raccontare stronzate sui corpi dei ragazzi. Faccio del mio meglio per rimanere in forma e per aggiungere peso fin quanto posso. Sono magro di mio, e il mio appetito è notevolmente condizionato dallo stress. Lo stress è qualcosa che cresce e diminuisce per me durante la stagione. Quindi, prendere peso è una sfida. Io non ho scelto un attore magro per The Flash. Sono andato a fare un’audizione per un ruolo che mai avrei immaginato di ottenere. Ma eccomi qui, cinque stagioni dopo. Sono felice del mio corpo e di chi sono e i ragazzi che sono cresciuti come me e più magri di me dovrebbero sentirsi allo stesso modo. Non solo, ma dovrebbero poter credere di poter essere un supereroe in televisione o in un film o su qualsiasi altro canale di comunicazione. Amo il costume che è stato disegnato per me, e penso che quando tutti lo vedranno concluso, lo ameranno anche loro. Le cose si sono sistemate da quando lo scatto trapelato è stato scattato, e altre cose continueranno a sistemarsi fino a quando non saranno giuste”.

Alessandra Cappabianca

Alessandra (21), Torino. Università degli Studi di Torino, Scienze Internazionali dello Sviluppo e della Cooperazione.
Femminista, curiosa e amante del cinema e delle serietv.

Top